rss
twitter

1 settembre 2008

4 US Open

Che figata, ieri ho esaudito uno dei miei sogni di bambino: passare una giornata agli US Open di tennis. Mi sveglio alle 8 pimpantissimo, faccio una colazione leggera e poi salto sulla linea 7 della metropolitana in direzione del Queens per raggiungere dopo circa 40 minuti il complesso sportivo intitolato alla leggendaria Billie Jean King
Ed è subito come entrare in una specie di paese dei balocchi per gli appassionati di tennis. 20 forse 30 campi con i campioni che si allenano letteralmente a 2 metri di distanza da te; migliaia di persone che sciamano da una parte all'altra indecise se prendere posto sugli spalti, fare la fila per un autografo o mangiare l'ennessimo hotdog; aria di festa ed eccitazione. Imponente al centro della struttura si staglia l'Arthur Ashe Stadium che con i suoi 25,000 posti a sedere è il teatro di tutti i match più importanti. Io sono seduto nel loggione a uno degli angoli del campo - posizione fantastica per seguire gli incontri. Apertura di giornata con la serba Jelena Jankovic, brevemente al nr 1 delle classifiche nel corso dell'estate. Partita difficile opposta a una delle promesse del circuito - la 18enne danese Wozniacki - da cui Jankovic viene fuori giocando meglio i punti importanti nel secondo e terzo set.
A seguire il momento più atteso. Scende in campo Roger Federer, probabilmente il più grande campione nella storia di questo sport. E lo dimostra anche oggi alternando colpi devastanti a giocate di precisione e fulminee discese a rete. Una prova davvero spettacolare che ha lasciato a bocca aperta tutti i presenti - compreso l'avversario - il malcapitato Stepanek demolito in 3 set e poco più di un'ora. E per finire ho avuto anche il piacere di tifare un italiano - Andreas Seppi - che se la vedeva con l'idolo di casa Andy Roddick. Temevo di trovarmi in decisa minoranza negli spalti (24,999 contro 1) mentre con mia grande sorpresa il pubblico si è diviso quasi equamente tra i 2 giocatori...forse per quella propensione che hanno gli americani a stare dalla parte dell'underdog. Seppi è bravo a imbrigliare la potenza di Roddick con il suo gioco ordinato ma nei momenti decisivi gli viene a mancare la lucidità e cede in 3 set equilibrati.
E poi arriva il momento di tornare a casa. Un'ultima breve passeggiata tra i campi minori dove adesso si allenano i junior, una pallina raccolta da dietro una siepe che si trasforma in un prezioso souvenir e un po' di nostalgia

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Federer è nu braf guaglio' ma dire il migliore di tutti i tempi è una frase molto forte ....

Che dire allora di Laver, Borg, Sampras e della famigerata "mano sinistra di Dio" ?

JMcE

Alis ha detto...

E la sotoscritta? Soprannominata per anni Muro di Berlino....quando c'ero io sotto rete nn passava nulla!!!

palbi ha detto...

sì mo c'avevo la navratilova alla scrivania di fronte e non lo sapevo!

Per tornare al discorso dei più grandi di sempre io ribadisco la candidatura di Federer. Sampras ha un po' approfittato di un buco generazionale e del rendimento ballerino di Agassi. Borg non si è mai ripreso dalla sconfitta a Wimbledon con McEnroe...il più grande di sempre non può abdicare così! McEnroe forse è il maggiore talento ma il curriculim è meno prestigioso degli altri. L'unico vero rivale di Federer è Laver!Il ragazzo ha centrato non 1 ma 2 Slam in carriera. Federer però ha ancora almeno 5 anni di fronte a sè e, anche se probabilmente non saranno gloriosi come gli ultimi 5, basteranno per consolidarne il mito

Jannessinho ha detto...

Io voto Nargiso..sotto rete, nel doppio, era una bestia!

Snap Shots

Get Free Shots from Snap.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...