rss
twitter

31 gennaio 2010

9 another slam, another win

Quel genio di Roger Federer oggi ha vinto il suo 16esimo torneo dello Slam, sconfiggendo nella finale degli Australian Open il sempre coriaceo Andy Murray.
Una vittoria così di routine in uno Slam non gli capitava probabilmente dal 2007, a ennesima riprova del fatto che, anche se gli anni passano per tutti e ormai e' diventato pure papa', come gioca a tennis lui nessun altro mai.
Siccome sui suoi record e achievements vi ho gia' fatto la testa tanta in altri post, stavolta vi faccio vedere che e' pure simpatico (tutte le qualita'), pubblicando quest'intervista registrata all'uscita dal campo dopo la semifinale di venerdì.



Va beh, non ho fatto neanche in tempo a pubblicarlo che gia' me l'hanno tolto da youtube, comunque fidatevi che era divertente

26 gennaio 2010

11 beati giovani

Per le nuove generazioni non e' che nutra grosse speranze ultimamente: tra i maschi con il taglio di capelli emo (anche se non sono emo) e le femmine messe giu' da battone a fine turno (anche se non sono battone) secondo me il quadro generale e' tristarello. Eppero', eppero' qualche volta sti adolescenti mi stupiscono in positivo.
Stasera, verso mezzanotte, salta sulla mia metro una seconda, terza liceo di ritorno da una serata al teatro piccolo. Oh troppo bellini! Le faccie pulite, vestiti come si deve, affiatati tra di loro, spiritosi ma che parlavano a modino. Uno doveva scendere prima degli altri e un suo compagno si rivolge ad alta voce al resto del gruppo e fa premuroso "Oh salutiamo Fra che scende qui". E tutti in coro "Ciao Fra" (nome ovviamente di fantasia che quello vero non me lo ricordo).
Proprio bravi guaglioni e squinziette come si deve !
Ovviamente trattavasi pur sempre di 16enni e quindi di cazzate nel tragitto Milano-Gorgonzola hanno avuto tempo di spararne una certa quantita' anche loro ma, alla fine, il bello di avere 16 anni e' quello lì, no?
E siccome il vostro palbi, non solo quando si tratta di cazzate c'ha le antenne belle aguzze, ma e' anche sempre lì che pensa a voi, ve ne riporto una che mi ha fatto pisciare addosso per come la raccontavano.
Come molti di voi sapranno la nostra amata ministra Gelmini domenica si e' sposata in quel di Sirmione. Anzitutto rabbrividiamo tutti un pochino nel pensare che la Mariastella Gelmini e' del '73 e quindi ha solo 36 anni. Questa non e' una riflessione dei ragazzi ma pensavo fosse il caso di mettarla a fattor comune perche' su certe cose nella vita bisogna rifletterci.
Tornando al matrimonio, la sig.ra Gelmini si e' sposata in una splendida villa che - cari miei - e' la stessa in cui Tiziano Ferro ha girato il video di Indietro, mica pizza e fichi. La suddetta villa appartiene a Berlusconi (o a suo figlio) che la affitta ogni tanto per delle serate. D'altra parte far quadrare i conti a fine mese e' difficile per tutti.
Ah beata gioventu'.
Ah quanto vorrei essere un beato giovane

25 gennaio 2010

6 bestemmie, F word...e qualche volta qualcuno lo perdonano

Ah come sempre grosse grasse soddisfazioni dalla televisione italiana: a forum, la storia di un bambino conteso tra la nonna e il padre biologico...che nel frattempo e' diventato un travestito (peraltro mi sembra di capire che travestiti e transessuali sono uno dei temi + cool di quest'anno); a Domenica In, Pippo Baudo che intervistando quello sgarzolino di Matteo Marzotto (43 anni, va per i 44) continua a ripetere convinto "Questi sono i giovani di cui l'Italia deve andare fiera"; e naturalmente il Grande Fratello questa sera con tutta sta pantomima della bestemmia. Ridicola, eh...ma troppo spassosa con tutti i concorrenti giu' a piangere manco il tizio lo avessero spedito al fronte.
Pure gli US sono paese assai bigotto e dove il politically correct spesso miete le sue vittime.
Giusto qualche mese fa c'hanno avuto la loro bella polemica per uno sketch del Saturday Night Live (uno dei pochissimi spettacoli che va in diretta) in cui una malacapitata attrice si e' lasciata sfuggire un osceno fucking al posto di un edulcorato freaking (vd la lesson 10).
Lei l'hanno graziata ma e' impagabile la faccia di quando se ne accorge (al sec 13) e si vede gia' buttata in mezzo a una strada con un bicchiere per raccogliere le monetine

23 gennaio 2010

4 veline, veloni e riforma sanitaria

La prossima volta che ci accusano perche' - da noi - ci son ministri che han fatto carriera a forza di mostrar le tette, gli potremo rispondere che - da loro - i senatori, quando eran giovanotti, esibivano allegramente il pipirillo.

Per arrivare a piu' serie considerazioni, sembra che la vittoria del repubblicano Scott Brown (nella foto) in Massachusetts rischi davvero di mettere a repentaglio la riforma sanitaria annunciata come cosa praticamente fatta solo un paio di settimane fa. A parte che se c'era un'incognita così pesante secondo me ce lo potevano anche dire, a parte che la mia assicurazione (con il pretesto della riforma) mi ha gia' spudoratamente annunciato che da aprile aumentera' il premio di un vergognoso 25% e dubito che adesso tornera' sui suoi passi, volevo dire che condivido assolutamente la dichiarazione comparsa all'indomani sull'account facebook di Obama
Yesterday's elections in Massachussets shows discontent with the pace of change - a frustration I share. We must move forward and keep working together
Caro Obama, siccome pero' il passo del cambiamento, alla fine della fiera, sei tu quello che lo determina - mica io che ti seguo su Facebook - vedi di muovere il culo nel 2010 e mantenere le promesse in cui crediamo.

22 gennaio 2010

8 il messicano (di mia mamma)

A casa.
Dormito niente causa fuso, uscito presto per sbrigare una faccenda ma adesso di nuovo nel letto che mi godo un po' il calduccio (perche' fuori fa un freddo becco)
Giu' da basso si comincia a sentire l'odore della carne che sfrigola sul fuoco.
Mia madre sta cucinando messicano, che nella sua personale interpretazione consiste in una specie di piadina riempita con un ragu' di carne un'anticchia (ma giusto un'anticchia) piu' piccante di quello che mette nella pasta.
Non smetterei mai di mangiarlo il messicano di mia mamma !

20 gennaio 2010

12 escuchando las canciones en un universo paralelo

Era un po' che non mi dava soddisfazioni grosse ma devo dire che sta volta l'insegnante di spagnolo mi ha svoltato la serata.
State pronti perche' ho una serie di rivelazioni da farvi e la vostra vita poi potrebbe non tornare piu' la stessa...perche' la musica italiana vista con gli occhi di un latino americano e' come un viaggio in un universo parallelo

Anzitutto, per chi come me c'aveva il dubbio, la Pausini non ci ha mentito per tutti questi anni: e' realmente super star in america latina. Eros pure. Nek e Grignani, invece, sono stati delle one-hit-wonder...fra l'altro pare che il testo di Laura non c'e' in spagnolo non si capisca bene cosa voglia dire...insomma lo stesso che in italiano.
Il punto e' che ascoltare musica italiana lì fa fico! Insomma, ascolti la pausini e sei fico...tipo se da noi ascolti Norah Jones. Vi dico di piu', quelli che stanno avanti (ma avanti davvero) non comprano gli album incisi in spagnolo ma direttamente le versioni in italiano che fa fico anche di piu'.

E fin qui, insomma, sarebbero state grosse soddisfazioni ma - convengo con voi - non ancora cose da svoltare la serata. Poi pero', andando a rimestare nel torbido dell'i-pod ecco spuntare queste 2 chicche. In particolare la seconda di Raffa (Para hacer bien el amor hay que venir al sur - Per fare bene l'amore devi andare al sud che da noi si chiamava piu' castamente Tanti Auguri) per me e' epica !



19 gennaio 2010

13 sono brave, sono belle le sorelle descianelle

E' nata una nuova dinastia attoriale!
Dopo i Baldwin (Alec, Daniel quello grasso, William detto Billy e Sthephen), i Fiennes (Ralph il talentuoso e Joseph il belloccio) e i Redgrave (e qui vi metto il link perche' sono veramente troppi...Franco Nero incluso) , sono arrivate le sorelle Deschanel.

La piu' grande e' Emily, 33 anni, protagonista della serie tv Bones. Quanto mi piace Bones ve l'ho detto, vero? E lei e' troppo brava nel ruolo della goffa e geniale Temperance "Bones" Brennan, troppo brava...l'intensita' quando si rinchiude nei suoi pensieri, il timing perfetto con cui se ne esce con le battute e la chimica con David "Angel" Boreanaz, ne vogliamo parlare della chimica con David Boreanaz?Niente niente, c'e' qualcosa sotto!Che poi un'altra cosa di cui bisognerebbe parlare e' anche di come sia riuscita a ottenere un ruolo da protagonista in una serie di prima serata con i fiancotti e il culone che si ritrova. Oh e' bellissima, intendiamoci, pero' c'ha innegabilmente il culone e a quelle con il culone normalmente il ruolo da protagonista non glielo danno, si sa.Quindi brava Emily,brava bis!

La piu' piccola si chiama Zooey, c'ha 29 anni e ho scoperto la sua esistenza ieri mentre guardavo in tv (500) days of summer che, per inciso, e' la romcom + bellina che abbia visto negli ultimi 2 anni e forse anche 5. Insomma, a dirla tutta, al momento non mi ricordo di aver mai visto una romcom così bellina dai tempi di Harry ti presento Sally , ma questaqua a me piace di + perche' mi identifico con i protagonisti 30something o giu' di lì...beh pure Harry e Sally presumibilmente erano 30something ma a me sembravano dei vegi perche' io ero piccolo.

Ed eccovele qua in tutto il loro splendore, Emily e Zooey, con tanto di fiancotti, caviglie generose e occhi blue blue blue



7 Lesson #22

Qui c'abbiamo un attimo un inghippo.
Devo tornare in Italia per qualche settimana e a scrivere le lezioni d'inglese da la' mi sento abbastanza un ciula. D'altra parte abbiamo appena fatto una pausa per le vacanze di natale e rimetterle in stand-by mi scazza altrettanto.
Mo' fatemi un po' riflettere sul da farsi...nel frattempo, per la prima settimana, ho pensato di risolverla così. Vi ricordate Mr. Sfiga, il simpatico personaggio creato da quel mattacchione di palbi per spiegarvi la fissa americana per gli acronimi, gia' protagonista delle lezioni 5 e 13 ? In un momento di incoscienza vi avevo addirittura promesso un terzo e conclusivo episodio delle sue avventure. Ecco, diciamo che di acronimi di cui parlare ce n'e' sempre a bizzeffe, ma come autore di storielle non ho piu' credibilita'. Quindi ho pensato di fare questa cosa qui: questa settimana io vi parlo degli acronimi (così la lezione 22 e' fatta) e la settimana prossima, invece di saltare, facciamo un ripassino con la relativa storiella che avrei pensato di affidare a un (al momento ignaro) professionista...ovvero il buon baol che, come alcuni di voi sicuramente sanno, e' abituato ad accogliere sfide di questo tipo sul suo blog. Certo, tutto questo sempre che baol sia d'accordo...anche se, nel caso dicesse di no, sarebbe proprio uno spezza bolgetta !

Mo' beccatevi l'ennesima lista di acronimi che - ci tengo sempre a ricordarlo - ogni americano degno di questo nome sciorina con assoluta naturalezza nella + normale delle conversazioni (oh baol, io ne metto una cifra perche' se no che lezione sarebbe, te pero' scegli pure i 3 che + ti aggradano) :

PTA (parent teacher association) = i colloqui genitori-insegnanti
CPR (cardiopulmonary resuscitation) = le tecniche di primo soccorso
CGI (computer generated imagery) = gli effetti speciali
PE (physical education) = l'ora di ginnastica
MS (multiple sclerosis) = la sclerosi multipla
SOB (son of a bitch) = figlio di buona donna
ATM (automatic teller machine) = il bancomat
OTC (over the counter) = i medicinali da banco
A/C (airconditioning) = aria condizionata
POW (prisoner of war) = prigioniero di guerra
WMD (weapon of mass destruction) = armi di distruzione di massa
BTW (by the way) = a proposito
MD (medical doctor) = medico
SSN (social security number) = codice della sicurezza sociale
DBA (doing business as) = nome commerciale
AA (Alcoholics Anonymous) = alcoolisti anonimi
POA (power of attorney) = delega
NYE (new year's eve) = Capodanno
DUMBO (down under the manhattan bridge overpass) = quartiere di brooklyn
TGIF (thank god it's friday) = grazie al cielo e' venerdì

18 gennaio 2010

7 awards season e awards in genere

Sta calando su di noi quella jattura chiamata awards season che culminera' il 7 marzo p.v. con la grande abbuffata degli Oscar. Tutto fichissimo eh...il glamour dei red carpet (con le dive che sfilano fasciate in outfit da un milione di dollari...e tutti a dire che Anne Hathway e' la meglio vestita...e J-Lo la peggio vestita...e a fare il calcolo di quanti anni del tuo stipendio costano gli orecchini che c'ha su Penelope Cruz) ; la suspence delle nomination a 5 (che alla fine te c'hai sempre un preferito e uno che prenderesti volentieri una martellata sugli zebedei piuttosto che vederlo con la statuetta) ; gli speech dei vincitori (e te che cerchi di capire se sono veramente emozionati...e allora dici "Ah guarda come trema sul palco quello scricciolo della Cotillard" ...oppure se c'hanno gia' fatto il callo come quella zoccola di Beyonce' che sara' tanto brava pero' ogni volta che ritira un premio la prenderesti a schiaffoni perche' lo vedi troppo che se lo aspettava).

Insomma, le cerimonie di premiazione prese singolarmente mi piacciono molto ma la awards season nel complesso e' insfagabile. Troppo, troppo ma veramente troppo. Il problema, come al solito, e' che questi finiscono sempre a pisciare fuori dal vaso. In 2 mesi ti mettono in fila non so quante premiazioni (ma sicuramente diverse decine), la sera in tv praticamente non si vede + altro e poi, diciamocelo, non si capisce mai che caspita di differenza c'e' tra un premio e l'altro. Cioe', i criteri di differenziazione ci sono, mica metto in dubbio: il genere (la musica country, i film di fantascienza, ecc...) ;chi vota (il pubblico, la critica o i colleghi) ; la competenza geografica (solo US o tutto il mondo) ; se la tv e' ammessa oppure no, ecc... Pero' e' un tale marasma di informazioni che alla fine non ci si capisce + un cacchio.

Si contenessero un po', tutta questa enfasi data a premi e riconoscimenti io la troverei pure una cosa lodevole. Non e' solo questione di show biz: che si tratti dell'impiegato del mese che lavora nella piu' squallida delle caffetterie, del medico affermato che riceve una menzione d'onore dai colleghi d'ospedale o di un regista che vince il premio oscar il principio che vige e' sempre lo stesso. Fai per bene e ti sara' riconosciuto, e mo' salta su quel palco e goditi questo stra-meritato applauso. Il lavoro duro e l'eccellenza come cose a cui va reso omaggio...sempre. Suona normale, giusto? Ah no, dite ? Eh immaginavo

15 gennaio 2010

13 9 mesi volati in un attimo mentre compravo ticket online

Giusto giusto una settimanella fa salutavo la mia famiglia dicendo che questo giro non ci saremmo visti per quegli 8 o 9 mesi.
Siccome palbi quello che dice fa e le cose gli vanno sempre secondo i piani, eccomi qui che ho appena comprato un biglietto per tornare in Italia tra 5gg.

Ah che strapazzi !

Mica vorrei solo fare la cronaca delle mie sfighe pero', quindi ne approfitto per consigliarvi un paio di siti dove acquistare online biglietti aerei a prezzi (+ o -) vantaggiosi.
Io di default vado su expedia perche' e' il primo dove ho creato un account ma sbaglio perche' essere abitudinari in queste cose e' un controsenso. Tant'e' vero che molto spesso ci sono offerte migliori sia su cheaptickets sia su orbitz che, peraltro, garantisce il rimborso automatico della differenza se un altro cliente prenota a un prezzo piu' basso.
Ancora meglio sarebbe aggiungere uno step intermedio e utilizzare un servizio come kayak, che non gestisce il processo di acquisto, ma ti rimanda alle offerte piu' convenienti disponibili sugli altri portali. Questo giro pero' l'offerta piu' bassa l'ho beccata su priceline.com - the negotiator che kayak non mi segnalava e forse (ma non sono sicuro) si puo' usare solo dagli Stati Uniti.
E poi vuoi mettere la soddisfazione di vedere William Shatner-TJ Hooker-Capitano Kirk nei panni del negotiator che ti cerca la tariffa + bassa !



13 gennaio 2010

18 Lesson #21

Partiamo proprio dalle basi.
Le ore di una giornata in inglese arrivano fino a 12, anziche' a 24. Se e' tarda notte o mattina (dalla mezzanotte fino alle 11:59) si fa seguire la sigla AM, se e' pomeriggio o sera (da mezzogiorno in punto fino alle 23:59) la sigla PM. AM e PM stanno rispettivamente per le locuzioni latine ante-meridiem e post-meridiem.
Fin qui tutto bene, no? Va beh, magari c'avevate un dubbietto su che sigla usare per mezzogiorno e mezzanotte, che anch'io ogni tanto ci devo pensare ma adesso siamo a posto.
Quello di cui vi volevo parlare oggi, pero', e' un'altra cosa. Perche' l'America e' un paese grande e, quando ci si da' un appuntamento, per capirsi da una costa all'altra non basta specificare se e' di mattina o pomeriggio ma va anche aggiunta l'informazione sulla time zone (il fuso orario).

Il territorio statunitense e' diviso in 4 zone
New York si trova nella Eastern Time Zone che viene normalmente indicata con la sigla ET o anche EST a seguire l'AM/PM. -6 rispetto all'Italia (se da voi e' mezzogiorno da me sono le 6 del mattino)
La time zone immediatamente adiacente verso ovest si chiama Central (CT) e va dall'Illinois al Texas
Ancora piu' in la' la Mountain (MT) che comprende Colorado, Arizona e Idaho
Infine sulla costa occidentale la Pacific (PT), 3 ore indietro a NY e la bellezza di 9 rispetto all'Italia
A fare proprio i sofisti ci sarebbero anche altre 2 zone: la Alaskan (AT) che e' un'ora indietro su Los Angeles e la Hawaiian (HT) che sta' indietro di un'altra ora ancora (praticamente una mezza giornata di ritardo sull'Italia)

Difficile? E beh, un pochino sì ma il vostro palbi pensa a tutto e vi propone 2 metodi mnemonici di nuova concezione. Il primo, a essere sinceri, non e' che sia proprio innovativo ed e' il link a questa mappa. Il secondo, invece, e' destinato a cambiare la storia di come si insegna la geografia nelle scuole e l'ho battezzato "il famoso criterio di classificazione palbi per blogger"

ET: io medesimo e ovviamente alice (perche' sebbene qualcuno sostenga che manhattan e brooklyn sono pianeti diversi, confermo che la time zone e' la stessa)

CT: demonio e fabrizio entrambi da chicago (ma quest'ultimo solo da qualche mese, quindi non fatevi ingannare dalle foto)

MT: moky (anche se mi sa che l'Arizona ha delle sue specificita' ulteriori sull'ora legale ) e alinuska

PT: valeria, regina e per la verita' anche tantissimi altri ma se li metto tutti non finisco piu'

Allora che dite? Lo proponiamo questo metodo per i nuovi sussidiari della scuola dell'obbligo?

12 gennaio 2010

13 avatar

Oh, io ieri sono andato al cinema con le migliori delle intenzioni...pronto a stroncare avatar come l'ennesima, insulsa, pacchiana e ridondante accozzaglia di effetti speciali senza ne' capo ne' coda.
Che a noi, invece, ci piacciono i film di un certo livello: intrecci che si prestano a diversi piani di lettura, le citazioni che si rincorrono, dialoghi coraggiosi, interpreti sugli scudi, ecc...
Ecco avatar non e' niente di tutto questo. E' un filmetto che si regge su una trama esile esile, dialoghi che sembrano scritti da un ragazzino di quinta elementare e piu' prevedibile di un calcio in culo (perche' un calcio in culo cari miei prima poi nella vita lo prendiamo tutti).
Quegli effetti speciali 3D pero', ragazzi, sono qualcosa di mai visto prima e che ti lascia davvero senza la minima capacita' di esercitare quello spirito critico di cui magari vai anche fiero.Terre di mezzo, pirati caraibici, maghetti con gli occhiali e vampiri palestrati, e' arrivato per tutti il momento di andare in pensione e lasciare spazio a una nuova generazione di film. Insomma, stupore e meraviglia.

6 yaz

Yaz e' una roba da femmine.
Cioe' sarebbe una pillola (e fino a qui ci siamo) ma serve pure per trattare un sacco di altre cose come la sindrome pre-mestruale. Anzi no, non serve per quella (che in inglese sarebbe la PMS) ma per la PMDD...e qui la conoscenza di palbi degli acronimi e del mondo femminile arriva proprio al capolinea.
Il motivo per cui questo mese ho scelto questa pubblicita e' perche' vi volevo far vedere un'azienda costretta dalla FDA (un'agenzia del ministero della salute) a mandare in onda una versione rivista dei suoi spot, scusandosi della confusione ingenerata dalle comunicazioni precedenti (giudicate troppo leggerine) e spiegando quali sono i reali effetti dei suoi medicinali.
Oh chiaramente si tratta sempre di un'azienda farmaceutica...quindi state pur tranquilli che non e' colpa del vostro inglese ma e' proprio che non si capisce niente e punto neanche nel nuovo spot.
In Italia non ho mai visto una cosa del genere ma mi sembra di ricordare che, a volte, il tribunale obbliga le aziende ad acquistare delle pagine di quotidiani per comunicare smentite o chiarimenti, giusto?



11 gennaio 2010

9 non si puo' piu' ignorarlo

Cliccate su questo video
E' una cosa di cui tutti dovrebbero essere informati

10 gennaio 2010

6 emergenza rifiuti

Non c'entrano la Campania, Bertolaso e gli interessi camorristici.
Piu' semplicemente qui nel mio palazzo, anche durante la mia assenza, hanno pensato bene di tenersi occupati nei loro consueti deliri esistenziali.
La gestione dei rifiuti e' sempre avvenuta in maniera assai semplice.
L'organico si butta ciascuno al proprio piano, attraverso un canale di 2 spanne x 2 spanne che in inglese si chiama compactor e in italiano non lo so. Tutto il resto si porta giu' nel basement e si divide alla bell'e meglio nei bidoni allestiti dal super (che peraltro nel basement ci vive pure assieme alla famiglia...ma questa sarebbe un'altra triste storia sulle disparita' del sistema americano e la rimandiamo a un'altra volta) .
Tornando al tema del post, pare che da 3 o 4 giorni un inquilino abbia deciso che giu' nel basement non gli va + di andare e deposita bellamente il sacchetto con vetro, plastica e carta di fronte al compactor...che sarebbe a dire circa a un metro dalla mia porta di casa.
Come potete immaginare, io sono qui solo da 24h ma i coglioni mi girano gia' a elica.
Per il momento si e' ancora nella fase in cui si lasciano appesi al muro biglietti con insulti e proteste assortite...anche perche' il manigoldo non e' ancora stato individuato.
Totale, il sacchetto se lo porta giu' chi capita o il super stesso quando passa.
Adesso vediamo come evolve la cosa e se il picio si ravvede anche se francamente mi farebbe quasi + piacere se lo beccassimo in flagrante e gli facessimo un bel partorello come ai tempi delle superiori.
Giusto per sapere...secondo voi e' istigazione alla violenza pure questa?
Perche' sarebbe 2 in un giorno solo, forse e' troppo

6 sicurezza aerea, comune senso del pudore e mentecatti innamorati

Non so cosa ne pensate voi, ma i nuovi controlli di sicurezza negli aeroporti a me hanno lasciato meno che impressionato. Avevo cominciato a scrivere la lista delle cose che ancora non vanno ma poi mi son detto che ci manca solo che mi ci metto pure io a dar dritte ai terroristi e poi siamo a posto. Ok, immagino che di terroristi alla lettura non e' che ce ne siano chissa' quanti ma la prudenza (leggesi paranoia) non e' mai troppa.
Piuttosto volevo richiamare la vostra attenzione su questi 2 temi fondamentali
  1. A noi di essere toccacciati dal personale di controllo o di mostrare il pipirillo ai raggi x non ce ne frega niente. Anzi ci fa pure un po' piacere che sotto sotto siamo tutti un po' esibizionisti...quindi fateci il favore di piantarla con queste polemiche da terza elementare e installate i body scanner gia' da adesso. O no?
  2. Qui e' scattata la persecuzione mediatica contro 'sto povero mentecatto di Haison Jiang ?"Chi e' Haison Jiang?" chiederete giustamente voi. Ricordate che un paio di settimane fa' hanno dovuto evacuare l'aeroporto di Newark perche' era saltato fuori un video delle telecamere a circuito chiuso in cui si vedeva uno sconosciuto che scavalcava indisturbato le transenne dell'area controlli e si dirigeva verso gli imbarchi? Ecco, lo sconosciuto in questione non era un potenziale attentatore ma quel tontolone di Jiang, ricercatore bio-medico di origine cinese incapace di resistere al desiderio travolgente di dare un ultimo bacio alla sua ragazza. Ora, come dicevo, lui e' senz'altro un mentecatto perche', per quanto innamorato tu possa essere (e per quanto di rado nella vita ti sia capitato di avere una donna), non scavalchi le transenne 2 giorni dopo un quasi attentato. Pero' quello che gli spetta e' niente di piu' e niente di meno dell'ammenda prevista per questo genere di infrazione ($500). O no? Invece gia' si levano le voci dei forcaioli che chiedono almeno un mesetto di carcere. Insomma, se dai 30gg a Jiang, al responsabile della sicurezza che avrebbe dovuto essere lì a fermarlo e che, invece, si stava facendo amabilmente i fatti suoi, che gli dovresti fare? Lo crocifiggi e gli tiri le pietre? Sapete che tra l'altro l'idea non e' malvagia! Secondo voi si configura come istigazione alla violenza? No perche' ho sentito che non si puo'. Pero' l'idea non e' malvagia

9 gennaio 2010

13 Lesson #20

Eh ce lo so, ce lo so...rientrare dalle vacanze non e' mai piacevole.
Pero' mica ci si puo' buttar dalla finestra e quindi eccovi servita sul piattino - insieme all'amara minestrina- anche la lezione numero 20 ! Che, fra l'altro, secondo me vi piacera' pure.

Uno degli sport nazionali, assieme al football americano e al baseball, e' coniare nuovi vocaboli fondendo parole gia' esistenti .
Quest'anno, per esempio, si e' fatto un gran parlare della crisi (2009 intendo, che il 2010 lo vogliamo tutti ruspante e prospero). E ognuno alla crisi ha reagito alla sua maniera: c'e' chi fa la staycation (stay + vacation), ovvero si prende le ferie ma se ne sta a casa perche' i soldi per fare un viaggio non ci sono ; e chi si da' al funemployment (fun + unemployment), ovvero si fa passare lo scazzo di essere disoccupato buttandosi in qualche mese di divertimento sfrenato.
I ragazzini pure ci vanno a nozze con questi vocaboli. Per esempio se un ragazzo passa + tempo con gli amici che con la sua morosa si dice che ha un bromance (brother + romance) ; mentre quando 2 ragazze sono amiche di facciata ma poi non perdono occasione per parlarsi alle spalle allora si dice che sono frenemies (friends + enemies) . Sempre in tema di adolescenti, ultimamente ci hanno fatto 2 palle tante con il termine sexting (sex + texting) che sarebbe l'abitudine di scambiarsi messaggini a luci rosse salvo poi ritrovarseli su youtube o flickr (beata gioventu'!).
Una parola che, invece, mi piace di brutto e che sponsorizzo perche' venga esportata al + presto anche in Italia e' bridezilla (bride + gozilla). Il significato ve lo spiegherei pure ma lascio lì perche' lo so che voi future italiche sposine impegnate nei preparativi delle nozze lo capite bene cosa vuol dire, ah se lo capite

Beccatevi qui sotto un elenco un po' + lungo, pero' mi raccomando di usare moderazione! Piazzarne una ogni tanto nel discorso puo' essere divertente ma se cominciate a metterne 2 nella stessa frase vi devo togliere il saluto:
ginormous (gigantic + enormous = giganterrimo), webinar (web + seminar = seminario online) , prettiful (pretty + beautiful = bellino-ino) , curvilicious (curvey + delicious = sexy e morbidosa come beyonce'), appletini (apple + martini = cocktail di dubbio gusto), tanorexic (tanned + anorexic = adolescente problematica con la fissa dell'abbronzatura), infomercial (information + commercial = televendita), biopic (bio + pic = film biografico), dramedy (drama + comedy = quei film che non si capisce bene se ti devono far ridere o far piangere)

6 gennaio 2010

11 holiday's best

Le vacanze volgono al termine e a me non e' rimasto molto da fare a parte scrivere sul blog e spalare un po' di merde a destra e mancina...che (ormai la cosa mi si e' chiarita) son io che per mia natura normalmente attiro manco Battiato l'avesse scritto per me il testo de La Cura.
E siccome a noi fare le liste alla fine ci piace molto ecco qui - in nessun ordine particolare - un elenco delle cose + fiche delle feste.

Il mio cane
Perche' i parenti son tanto cari ma c'hanno quella tendenza lì a mandarti sull'orlo della crisi di nervi, gli amici a volte ci possono essere e a volte no, ma lui invece e' sempre lì. Che sia passato un giorno o 8 mesi ti riserva sempre un'accoglienza che neanche l'imperatore della Cina di passaggio per le terre di confine o il Papa Buono in visita ai fedeli della bassa bergamasca.

La Bella e la Bestia
Oh non e' Broadway su quello siamo intesi...pero' non e' mica neanche tanto diverso

Le Terme di Milano
Una vita a Milano e 'sti infami aspettano solo che mi trasferisca io per aprire questo paradiso del relax! Un bengodi di saune, piscine termali e massaggi ospitato in una fantastica palazzina liberty in pieno centro cittadino a Porta Romana.

Il tiramisu' della mamma
Qui citato in rappresentanza di tutte le quintalate di dolci trangugiate senza timore fino ai limiti dell'umana possibilita': panettoni, pandori, cioccolato, torroncini, crema di mascarpone, cannoli, caramelle, ahhhhhh

Tutti insieme appassionatamente
Sul digitale terrestre l'hanno mandato in replica a ogni ora del giorno e della notte e palbi si e' trasformato rapidamente in un fan hardcore ! "Do se do qualcosa a te, Re e' il re che c'era un dì, Mi il mi per dire a me,..." Mo' mi cliccate qui anche voi e voglio vedere se mi dite che siete riusciti a resistere all'inebriante overdose di buoni sentimenti e nostalgia.

La mia nuova videocamera
Anche questa citata in rappresentanza di tutti i regali ricevuti (quest'anno devo dire tutti clamorosamente azzeccati)
Perche' ci terrei a ribadirlo una volta per tutte: Natale e' la festa dei regali! Che a volersi bene c'e' tempo tutto l'anno ,i regali, invece, arrivano + di rado

Il sonnellino di Natale
Faccio neanche in tempo a mettere nel lettone la nipotina e farla addormentare che vado giu' anch'io come un sacco di patate accanto a lei. Ah quant'e' tenero palbi...direte voi! E che trionfo di strategia...aggiunge palbi medesimo. Che si e' fatto la prima parte del pranzo di Natale...quella dello strabilio culinario e dell'acquolina in bocca e ha saltato abilmente tutta la seconda...quella che si trascina interminabile per l'intero pomeriggio tra insfangabili pettegolezzi su parenti di terzo grado e i soliti aneddoti raccontati sempre allo stesso modo tutti gli anni - parola per parola- con tutti che ascoltano fingendo di non ricordarseli.

Snap Shots

Get Free Shots from Snap.com
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...